Posts contrassegnato dai tag ‘dignità’

Immaginiamo di essere felici come Roger Daltrey mentre impersona Tommy, nell’omonimo film degli Who. Io lo sono!

 

Si è rotto lo specchio che ci rimandava tutti i nostri problemi nella loro interezza: crudi, completi e irrisolvibili, lo specchio ci bloccava.

Si è rotto lo specchio, e ora siamo un po’ più liberi, ora sappiamo, intuiamo, che possiamo davvero lavorare per risolvere i problemi. Dietro lo specchio c’è il sole, quello reale che illumina tutto e lo rende vero. Affrontabile, risolvibile.

Non ne potevo più di stare in questa nube di assurdità, gommosa e asfissiante. Il primo passo è fatto e un po’ alla volta ci riprenderemo tutto ciò che ci hanno rubato, privatizzato e denigrato: parole, istituzioni, diritti, dignità, credibilità.

Annunci

Momento di stallo. Generale. Io sono molto preso dallo studio, ma vedo che nel mio Paese potrebbe finalmente succedere qualcosa. Sentivo ieri Zucconi dire che per una volta l’Italia sembra non essersi dimostrata la repubblica “del giorno dopo”, procrastinatrice all’inverosimile. Tra l’altro è esattamente il mio pensiero sul nostro Stato: quando sembra che stia per succedere qualcosa di grosso alla fine, quasi sempre, non avviene mai! Sarà forse collegato al fatto che, come a volte si sente dire/ricordare, in Italia non c’è mai stata una vera e propria rivoluzione? Almeno in tempi recenti; non mi sento però di esprimermi con sicurezza, non mi considero un bravo studente di storia. Ma sento una spinta a saperne di più (e non mi importa molto che la festa sia tra un mese, non ho una scadenza precisa per diventare “italiano”!).

Domenica sono andato in piazza a Modena, assieme alla mia mamma, in mezzo alla “manifestazione delle donne“, che il nostro premier ha bollato come faziosa perché “contro la sua persona”. Ma che diamine, ha ragione! Sennò per cosa la si fa una manifestazione? L’obiettivo è liberarci di lui e del suo schifoso sistema di “governo”, oltre che (difficile!) della mentalità bacata che non comprende il concetto di dignità, come non considera nemmeno quello di rispetto.

Gran parte di chi ci governa sembra essere (più altro leggi “è”) al servizio di B. e io non dovrei arrabbiarmi? Come cittadino penso di godere di una Costituzione stupenda, ma che viene “interpretata” da chi ci governa. Se si può interpretare la Costituzione…non dovrei essere incazzato?

Sono usciti giusto oggi i nuovi cablo da Wikileaks, e riguardano il rapporto che c’è stato negli scorsi quattro anni almeno tra l’Italia e gli Stati Uniti: un paese in declino con un leader buffone?. Gran bel biglietto da visita, arricchito da scandali sessuali e recenti imputazioni, già mi immagino la scena: “Italiano?” – “Sì…” – “Ah bunga bunga Berlusconi!” – “…”

Ieri ho poi letto un articolo sul Fatto, che ci parla della “casta”: […] più passa il tempo, più i deputati consapevoli di non essere rieletti si avvicineranno spontaneamente a lui (Berlusconi, ndr), facendolo anche risparmiare. Il motivo risiede tutto nel fatto che gli attuali nominati, soprattutto alla Camera, in caso di elezioni anticipate perderanno il vitalizio; da questa legislatura, infatti, è in vigore la legge che prevede di aver portato a termine un’intera legislatura per poterlo ottenere e non più solo due anni, sei mesi e un giorno come era prima.

In effetti il sospetto c’era, e questa può essere una conferma: dove tutto va a rotoli, prima si salva il proprio, e poi il comune. Vedo incastonato in questo ragionamento il respingimento della proposta apparsa sul Fatto, che disegnava un gesto forte dell’opposizione come le dimissioni in blocco dei suoi parlamentari. Potrebbe bloccare e scuotere (quindi infine sbloccare!) il sistema istituzionale, ostaggio di pochi.

Rimango convinto che ci sono molte persone in Italia che sono nettamente migliori della media mediocre degli italiani, e quindi migliori di chi ci governa, che se vogliamo si trova spesso sotto questa media…suona da luogo comune, ma alla fine è un bastone a cui appoggiarsi un momento per pensare a come riscattare cultura, rispetto, Nazione ma soprattutto la dignità. Leggete questo articolo (Berlusconi è minoranza nel Paese) di Peter Gomez, datato 14 febbraio, il giorno dopo la manifestazione delle donne, contiene altri spunti per questa riflessione.

Oggi pubblichiamo un nuovo articolo della nostra collaboratrice Chinonrisica.

Il tramonto dei diritti e della dignità sembra essere un periodico dramma umano. Ogni epoca di rinascita sociale e culturale ha, come sembra, un seguito amaro di oscurantismo, ignoranza e volgarità.

Come interpretare, altrimenti, quanto sta accadendo in questi mesi, in queste settimane? Il Novecento dei diritti nascenti, e finalmente conquistati, lascia spazio all’amarezza del lavoro da inseguire, del reddito precario, della gioventù tradita dal mito di una scolarizzazione risolutiva.

Il rifiuto del lavoro manuale è diventato progressiva incapacità di adattamento, la rincorsa al guadagno “pulito” ha cresciuto generazioni incapaci di produrre saperi indispensabili alla società. E, contemporaneamente, l’utopia dell’eterna gioventù ha popolato di satiri i luoghi del potere.

La chimica è corsa in aiuto ad un malinteso senso di virilità, quello che faceva affermare a Lina Merlin, in un’intervista, pubblicata nel 1963 dall’Europeo e rilasciata ad Oriana Fallaci :”Ah! Questo Paese di viriloni che passan per gli uomi­ni più dotati del mondo e poi non riescono a conquistare una donna da soli!”.

Chissà che direbbe la senatrice socialista se vedesse, ora,  tradita così gravemente la sua battaglia per la dignità delle donne. In nome della quale non voleva avere la pretesa di abolire la prostituzione, ma solo  evitare che lo Stato ne fosse complice. Ma lo Stato oggi, attraverso i suoi rappresentanti più autorevoli, accetta di barattare denaro con sesso, forse, con compagnia incongrua certamente.

L’Istituto Luce diceva che le Italiane  spontaneamente si offrivano ad un Duce seduttore, che consumava amplessi quotidiani senza nemmeno togliersi gli stivali,  ispirate da autentico amor di patria.

Le giovani comparse dell’eterno apparire del nostro tempo (veline, meteorine, letterine…) che sgomitavano per una cena, per un invito in villa, per un ruolo eternamente secondario, fugace come la loro avvenente freschezza, erano invece animate da  spirito mercenario, a giudicare dalle buste, dai bonifici, dai gioielli. E nemmeno le TV di regime sono riuscite a convincerci del contrario.

Anni bui, quindi, di senso civico perduto e di dignità assediate. Anni di scarsa umanità, di machismo e femminilità deteriore, anni di “sisalvichipuò”.

Anche se a salvarsi, pare, saranno sempre gli stessi.


È uscita la notizia, per ora data come ufficiosa, sul nuovo logo del partito di Berlusconi. PdL, acronimo di Popolo della Libertà, e il relativo simbolo, sembra che non siano più utilizzabili tranquillamente. Si dice inoltre che Berlusconi sia “stufo” dei nomi lunghi, e voglia quindi cambiare, per dare una nuova facciata alla sua, chiamiamola (ancora?) “forza” politica.

Dunque, dopo Forza Italia, dopo il Popolo della Libertà, si è pensato ad una sigla diretta, dirompente, indimenticabile: Italia. Qua sotto vediamo un’immagine che pare essere l’anteprima del suddetto nuovo simbolo.

Ora, anche nel caso che tutto si risolva in nulla (anche se molte sono le notizie che non smentiscono la questione), e alfine non ci sia un simbolo con scritto “Italia – Berlusconi Presidente” a rappresentare il partito del Caimano, vorrei riflettere brevemente su un paio di questioni.

Questo simbolo incriminato sarebbe, a mio dire, l’ultima ennesima picconata alla nostra dignità. Addirittura? Fino a qualche anno fa non si poteva esultare o incitare la propria squadra nazionale al grido di “Forza Italia!“: Berlusconi si era rubato il nostro tifo. Ancora oggi non è un’esultanza utilizzata.

Come sono, troppo spesso, chiamati i sostenitori di Berlusconi? Gli “Azzurri“. Gli Azzurri solitamente sono i nostri atleti, come nella pallavolo nazionale, o nel calcio nazionale, dove i giocatori italiani indossano la divisa azzurra che li contraddistingue nel mondo. Il modo più spontaneo di esultare e il nostro colore nazionale.

Ricordate il simbolo di Forza Italia? Era la scritta bianca del nome sulla bandiera italiana, forse l’unica caratteristica che non sarebbe da critica: un partito italiano può e forse deve mettere nel proprio simbolo la bandiera della propria patria. Ma come si sa, si andò oltre.

Dal 2000 al 2008 la coalizione di centro-destra guidata da Silvio Berlusconi aveva il nome di Casa delle Libertà (stupendamente satirizzata nel programma L’ottavo nano): iniziò ad arrogarsi anche una delle parole più care alla democrazia,libertà.

Proseguendo al 2009, il 29 marzo nasceva il Popolo della Libertà. Avanti così, chi è fuori da questo popolo, chi è? cos’è?

Nuovo passo dunque: identificarsi con il Paese. Purtroppo spesso si ha l’impressione di pensarla diversamente da troppe persone, di essere davanti ad un mostro senza cervello ma dai mille occhi imbambolati, rapiti dalla televisione. Spesso mi sembra che Berlusconi ce l’abbia fatta con la maggior parte delle persone: è dentro di loro, con gli ammiccamenti di pancia che tanto piacciono al cosiddetto (con una brutta frase fatta) italiano medio. In un momento di totale scoramento potrebbe sembrare anche la cosa più giusta e lineare di questo mondo: Berlusconi identificato perfettamente con il Paese Italia, tanto che il suo partito può tranquillamente chiamarsi come la (nostra) Patria.

Mi brucia lo stomaco a pensarci, e l’anno dei nostri 150 di unità nazionale diventeranno come la domenica di Leopardi, carichi di attese (vere o fasulle), subito ammazzate. Una differenza dal vecchio Giacomo però c’è: se da una parte c’è chi invita e tenta a celebrare al meglio questo “traguardo”, dall’altra c’è chi col tricolore si pulirebbe il sedere, chi vuole, prima di festeggiare, “il federalismo”, una norma nei fatti oscura che rischia di smembrare, soprattutto economicamente, il Paese. Nelle scuole ci si dimentica di istituire attività e momenti di studio sulla Patria (suona sempre più antica questa parola, ahimè), e, diciamocelo, sono davvero pochi quelli che sentono davvero di dover festeggiare.

Non so cosa pensare, se non riprendere in mano un qualche libro di storia e andare a rivedere come è nata l’Italia. Non mi sembra una cosa stupida.

(ps: “scusate” per il termine nel titolo, ma credo sia il migliore modo per comunicare disgusto)

Il notro Foedericus ci propone oggi un articolo che affronta il tema della libertà…a voi la lettura!

***

“LIBERTÀ È PARTECIPAZIONE” – Dal testo di Gaber alla realtà che ci circonda

Così cantava il mitico Gaber in una delle sue canzoni

La libertà non è star sopra un albero,
non è neanche il volo di un moscone,
la libertà non è uno spazio libero,
libertà è partecipazione
.”

Giorgio Gaber, La libertà

Come rispondereste alla domanda “chi è colui che può definirsi libero?”; certamente molti diranno subito “colui che può fare ciò che vuole, esprimere le proprie opinioni, manifestare la propria fede e  via discorrendo” … invece non proprio. Non proprio perché questa sarebbe anarchia o per lo meno la rasenterebbe; per capire meglio il significato di tale termine, allora, prendiamo in esame la frase di Gaber libertà è partecipazione: partecipare, filologicamente inteso significa “essere parte di …” e quindi essere inseriti in un dato contesto. Libertà non è dunque dove non esistono limitazioni ma bensì dove queste vigono in maniera armoniosa e, naturalmente, non oppressiva.

Posso capire che la cosa strida a molti ma se analizzata in maniera posata si potrà evincere come una società senza regole sia l’antitesi di sé stessa.

Dove sta la libertà, allora? Innanzitutto comincerei parlando di rispetto: rispetto per l’altro, per le sue idee, per la sua persona: se non ci rispettiamo vicendevolmente non otterremo mai un vivere civile e quindi alcuna speranza di libertà.

La libertà è un diritto innegabile

chi ha il diritto di stabilire quali libertà assegnare a chi? Pensiamo agli schiavi di ieri e , purtroppo, anche di oggi: perché negare loro le libertà? Per la pigrizia di chi gliele nega, chiaramente; su questo si basa il rapporto padrone-schiavo (anche quello hegeliano del servo-padrone), sulla forza ed il terrore, terrore non dell’asservito ma del servito. Dall’Antichità al Medioevo, dal Rinascimento ad oggi gli uomini hanno sempre tentato di esercitare la propria egemonia sugli altri, secondo diritti divini, di nobiltà di natali, tramite l’ostentazione della propria condizione economica e via discorrendo, falciando così in pieno il diritto alla libertà di alcuni.

“Libertà è partecipazione”, tale frase continua a ronzarmi in testa e mi sprona ad esortare: rispettiamoci per essere liberi… a tali parole mi sovviene la seconda strofa del nostro inno nazionale (di cui pochi, ahime, conoscono l’esistenza, poiché molti ritengono che il nostro inno sia costituito d’una sola strofa):

Noi fummo da secoli
calpesti, derisi,
perché non siam popolo,
perché siam divisi.
Raccolgaci un’unica
bandiera, una speme:
di fonderci insieme
già l’ora suonò
.”

e quindi l’invito della terza strofa:

Uniamoci, amiamoci

Dignità, rispetto dell’altro, partecipazione, lievi seppur necessarie limitazioni: questi sono gli ingredienti per un’ottima ricetta di libertà, non certo paroloni da politicanti come “lotta alla criminalità”, “lotta all’evasione fiscale”, “lotta alle cricche”, giusto per citare le più quotate in questi ultimi tempi. La libertà necessita di semplicità, non certo di pompose cerimonie: essa è bella come una ragazza a quindici-sedici anni (o per lo meno, rifacendomi allo Zibaldone leopardiano), tutta acqua e sapone e sempre con un sorriso gentile pronto per tutti. Forse è anche per questo che gli uomini raffigurano la Libertà come una giovane donna…!

Foedericus.