Posts contrassegnato dai tag ‘nucleare’

Domenica e lunedì ci troveremo davanti anche una scheda grigia. E’ quella che contiene il quesito sul nucleare. Il governo ha provato in ogni modo a farlo fuori, con moratorie-patacca, proclami sull’inutilità di un voto dettato dalla paura e altre menate simili. Ma Cassazione e Corte Costituzionale gli hanno dato torto, e il referendum si terrà anche su questo fondamentale tema.

Le ragioni per dire no al nucleare sono tantissime, ne abbiamo scritto più volte. Riassumiamo le più importanti.

Il nucleare ha bisogno dell’uranio, che è presente in quantità scarsissime, costa sempre di più e forse finirà prima del petrolio. Le scorie radioattive rimangono per sempre (e non esiste posto al mondo dove possano essere definitivamente stoccate, visto che a contatto con l’acqua esplodono e non c’è posto sulla terra dove l’acqua non arrivi mai, secondo quanto dicono autorevoli studi), mentre la CO2 è evitabile, puntando sulle energie rinnovabili. Nessuna assicurazione al mondo assicura una centrale nucleare, visto che, per quanto i sistemi di sicurezza possano essere avanzati, terremoti, altri eventi naturali o guasti tecnici possono sempre capitare (Giappone docet); l’Italia, poi, è un paese sismico. Costruire una centrale costa miliardi (circa 10) e ci si mettono anni, altri miliardi ci vogliono dopo venti o trent’anni per chiuderla. E chi paga? Provate ad indovinare.

Inoltre, anche senza incidenti, nei dintorni delle centrali le percentuali di malattie di un certo tipo aumentano, grazie alle radiazioni (ne parla Mario Tozzi nel video sottostante). Inoltre, il nucleare non ci renderebbe indipendenti energicamente, visto che, al posto del petrolio, dovremmo importare l’uranio e la tecnologia per costruire i reattori (dalla Francia). Per quanto riguarda l’incidenza dell’energia atomica sul nostro fabbisogno energetico, entro il 2020 le fonti rinnovabili, insieme a misure di efficienza energetica, sono in grado di produrre quasi 150 miliardi di kilowattora, circa tre volte l’obiettivo di Enel sul nucleare, tagliando drasticamente le emissioni di CO2. L’atomo non è quindi necessario.

Last but not least: gli obiettivi europei per le fonti rinnovabili e l’efficienza energetica al 2020 valgono il triplo del piano nucleare di Enel in termini energetici e creerebbero almeno 200 mila nuovi posti di lavoro “verdi” e dunque 10-15 volte l’occupazione indotta dal nucleare.

In conclusione, l’energia nucleare non serve, è pericolosa, inquinante e dannosa. Ce la vogliono propinare perchè ci sono interessi giganteschi dietro la costruzione delle centrali, che muoverebbe miliardi e miliardi di euro e probabilmente anche perchè la Francia, avendo comprato una buona fetta del nostro debito pubblico, ci tiene per le palle.

Una cosa che non sento mai dire da nessuno riguarda il fatto che dobbiamo renderci conto che l’obiettivo primario non deve essere produrre più energia per far fronte a bisogni energetici sempre crescenti. E’ necessario invece diminuire il fabbisogno energetico, consumare meno eliminando gli sprechi, costruendo case in modo intelligente, razionalizzando l’utilizzo dell’energia. Questo è il futuro. E’ fondamentale per salvare noi e tutto il pianeta.

Scusate, ma che fine hanno fatto la Libia e il Giappone? Fino a qualche mese fa (marzo) i media non parlavano d’altro, la guerra e il disastro d’oltreoceano erano sempre le prime notizie. Da qualche settimana invece puff, è sparito tutto.

Poco dopo che le forze NATO hanno iniziato a bombardare il paese di Gheddafi, è calato il silenzio. Qualcuno sa quale sia la situazione, se i ribelli sono avanzati, se Gheddafi ha ancora un esercito che gli permette di resistere, se le bombe cadono sui civili? Non si sente più parlare di queste cose. La guerra è sparita, l’unica sua testimonianza rimasta è quella delle centinaia di persone che sbarcano o tentano di sbarcare sulle nostre coste, tentando di fuggire dall’incubo. E trovando invece spesso la morte.

E’ possibile che queste guerre, come quella in Iraq, Afghanistan e co. non finiscano mai? Iniziano e poi si perdono. Il risultato è sempre lo stesso però: migliaia di morti civili, bambini, donne, uomini uguali a noi. E il silenzio dei media (si chiaro: tutti i media) è vergognoso. Molto meglio mettere in prima pagina il fatto che Berlusconi fa il bunga bunga in un nuovo posto, non più nello stesso posto di prima, come ha titolato l’altro giorno il Fatto Quotidiano.

Per quanto riguarda il Giappone, il motivo della sparizione delle notizie su Fukushima è lampante: la lobby del nucleare, con l’aiuto del governo giapponese, tiene lontane le informazioni che potrebbero peggiorare ulteriormente la già traballante posizione dell’energia atomica nel nostro Paese. A questa gente non frega nulla della nostra salute: meglio guadagnare miliardi con un’energia pericolosa, costosa e per nulla pulita.

Per le ultime dal Sol Levante, vi rimando a questo articolo del Fatto Quotidiano.

Una cosa è certa: siamo circondati dalle notizie, i media di tutti i tipi ci sommergono di informazioni sugli avvenimenti di tutto il mondo. Ma siamo poi così sicuri di essere davvero informati?

E così quelli che lasciavano libertà di voto e che consideravano il referendum come un’indicazione importante sul volere dei cittadini ora ricorrono alla Corte Costituzionale, chiedendo che il quesito sul nucleare venga bloccato. Per l’ennesima volta, tentano di azzoppare il voto del 12 e 13 giugno.

Prima non l’hanno accorpato alle elezioni (facendoci spendere almeno 300 milioni in più). Poi hanno fatto la moratoria per far saltare il quesito sul nucleare. Ed ora si giocano l’ultima carta. Ma si è mai visto un governo che cerca di scippare uno strumento di democrazia diretta dalle mani dei cittadini? Personalmente ho contribuito in piccola parte a raccogliere le firme perchè questo referendum si potesse svolgere.

Nessuno ne sapeva nulla allora, nessuno ne parlava e pochissimi ci credevano. E invece ora, per fortuna, gli appelli al voto si moltiplicano, nonostante la tv non ne parli mai (tranne pochissime trasmissioni) e anzi dia informazioni incomprensibili (vedi gli spot sulla RAI). Il referendum deve esserci, e deve essere completo di tutte e quattro le schede, per rispetto a chi ha raccolto le firme e a chi ha firmato, in primo luogo. Ma deve tenersi anche per rispetto a tutti coloro che vogliono andare a votare.

Non si possono usare sotterfugi. Se la posizione governativa è pro nucleare e privatizzazione dell’acqua, benissimo. Ogni convincimento è legittimo. Ma allora si facciano discussioni pubbliche con le due parti a confronto, se ne parli, si facciano campagne per il sì e per il no. Se ne parli democraticamente, insomma. Dovrebbe essere così. Normalmente.

Ancora di più dopo questo ricorso alla Corte Costituzionale (del cui esito sapremo martedì), andare a votare è fondamentale e decisivo. Facciamo vedere che ci siamo!! Convinciamo amici parenti e sconosciuti. Siamo tutti indispensabili.

Da ilfattoquotidiano.it, un articolo tratto dal blog di Peter Gomez.

(Le ultime news sull’emergenza nucleare in Giappone, passata ad un livello 6/7 su 7)

La buona notizia è che in realtà sul nucleare italiano niente è per davvero deciso. Nonostante la legge sull’atomo e l’accordo siglato lo scorso anno con la francese Edf e l’Enel il nostro Paese ha tutto il tempo per cambiare idea e darsi una diversa politica energetica. Quella cattiva è che le nostre classi dirigenti non hanno nessuna voglia di riflettere. Tanto che per ora la maggioranza riesce solo a ripetere a pappagallo: “Andiamo avanti”.

Eppure in qualunque nazione seria (ma la nostra purtroppo non lo è) ciò che sta accadendo in Giappone sarebbe da tutti presa per un’occasione di vero dibattito e approfondimento. Anche dai pro-nucleare. Chi sostiene l’atomo senza se e senza ma, spiega infatti che le centrali nipponiche sono in crisi perché di vecchia generazione. E pur sorvolando sull’ancora irrisolta (e fondamentale) questione delle scorie, afferma che nelle nostre (terza generazione) incidenti simili non potranno accadere. È vero? È falso? I ministri Renato BrunettaPaolo RomaniStefania Prestigiacomo che tanto si stanno spendendo per i costruendi reattori hanno la competenza tecnica e la gentilezza necessaria per rispondere?

In queste ore, del resto, le due obiezioni principali utilizzate per contrastare chi si schiera contro le centrali, appaiono prive di senso. È sbagliato dire, come fa la politica, che intanto l’Italia è circondata da reattori e che è quindi inutile rinunciare all’atomo, perché volenti o nolenti si è alla mercé di ciò che accade oltre-frontiera. Come dimostrano i piani di evacuazione, in caso d’incidente, sta peggio chi risiede vicino alle centrali. Non chi sta lontano.

Inoltre è ancora più sbagliato insistere troppo sui pur corretti ragionamenti di tipo economico-ecologico. Visti i progetti italiani, fa solo sorridere chi ripete che il petrolio costa troppo e che bisogna rendersi indipendenti dagli inquinantissimi e non illimitati combustibili fossili. I trenta miliardi di euro che si vogliono investire nei nuovi impianti riusciranno forse a essere produttivi tra 15 anni. Considerati i tempi tecnici e quelli legati alla nostra burocrazia è velleitario pensare che i reattori italo-francesi possano entrare in funzione prima. E sorprende che in pochi sottolineino (lo fa però Emma Bonino) come una volta accesi serviranno per coprire solo il 4 per cento del fabbisogno energetico del Belpaese.

Sarebbe dunque utile che qualcuno tra quelli che sostengono di essere al governo spiegasse ai cittadini cosa si intende fare nei prossimi tre lustri. Rimaniamo appesi ai voleri del Gheddafi o delPutin di turno? O magari ci attrezziamo con soluzioni alternative come accade in Germania e negli Stati Uniti?

I nostri sedicenti governanti lo faranno? Difficile crederlo. Anche se un colpo di scena è ancora possibile. Legato, purtroppo, non a una matura riflessione, ma ai sondaggi.

Il premier Silvio Berlusconi sa che se la situazione in Giappone (Dio non voglia) peggiora ancora, per lui i referendum di giugno si risolveranno in una clamorosa debacle. La possibilità che le consultazioni riescano a ottenere il quorum già adesso è concreta. E domani potrebbe esserlo ancor di più. Ma una sconfitta del genere un esecutivo debole come il suo non può permettersela. Specialmente perché i cittadini rischiano di bocciare non solo il nucleare e le norme sull’acqua privatizzata, ma pure la legge sul legittimo impedimento. Una norma che la Corte Costituzionale ha svuotato, ma che è una norma simbolo. Se gli elettori la cancellano, vuol dire che vogliono cancellare pure lui, l’amato premier.

Non per niente il presidente del Consiglio tace o parla d’altro. Sta cercando di capire come butta. Se il rischio quorum aumenterà ancora cercherà di correre ai ripari. Magari intervenendo per decreto. Berlusconi lascerà così il paese senza centrali. E ovviamente non metterà in piedi un vero piano di politica energetica alternativa. Ma almeno avrà tutto il tempo per occuparsi di ciò che per lui è davvero importante: le toghe e la giustizia.

L’Italia è un Paese sismico. E i terremoti sono un grosso problema per le centrali nucleari. Lo vediamo proprio in questi giorni, da quanto è accaduto in Giappone.

In queste ore, è altissima la tensione alla centrale nucleare di Fukushima, nel nord del Paese. Si teme che un reattore possa aver subito un processo di fusione dopo il terremoto. Nonostante la situazione sia stata dichiarata sotto controllo, la preoccupazione è grande. Infatti, 47 mila persone sono state evacuate nel raggio di 10 chilometri dall’impianto, mentre ad altre è stato consigliato di restare in casa, senza aprire porte e finestre.

Verso le cinque (ora locale), è stata udita un’esplosione all’interno della centrale, e la tv locale ha mostrato una colonna di fumo bianco alzarsi in cielo. La violenza dello scoppio è stata tale da polverizzare la gabbia esterna di contenimento del reattore. Si parla anche di feriti, ma la situazione non è ancora chiara.

Il terribile sisma ha coinvolto 11 delle 52 centrali giapponesi. Alcuni dei loro reattori non sono più controllati e la temperatura al loro interno aumenta.

La situazione è quindi molto grave. Alla distruzione causata dal terremoto si sta aggiungendo un rischio ancora peggiore: quello di un disastro (o comunque di un incidente) nucleare. Ovviamente, speriamo che la situazione si risolva nel migliore dei modi. Ma forse possiamo trarre un insegnamento da questa situazione: abbandoniamo il nucleare. E’ un’energia costosa, probematica, pericolosa e dannosa. Speriamo di capirlo prima che sia troppo tardi.

In risposta all’orribile e bugiardo spot pro nucleare che sta girando ormai da settimane, vi presentiamo il contro-spot realizzato da Greenpeace. Per dettagli sull’energia nucleare, i suoi costi e i suo svantaggi, vi rimando al post “Balle nucleari” e al decalogo antinucleare di Greenpeace.

 

 

 

Da qualche giorno sui più diffusi quotidiano nazionali (Corriere, Repubblica), ma in generale su tutti i quotidiani nazionali (meno il Fatto) appaiono delle pubblicità formate da grossi scacchi neri e bianchi. Al loro interno, frasi sull’energia nucleare. Nero è contro, bianco è pro. Sottile gioco psicologico. Il Forum nucleare italiano chiede la nostra opinione, ma in realtà ci suggerisce, in maniera subdola, quale dovrebbe essere (il presidente del Forum è Chicco Testa,quello che voleva spaccare la faccia a Tozzi).

Le pubblicità (più spot come quello del video soprastante che appariranno su Mediaset, Sky, La7, Rai e in stazioni, aeroporti, web, cinema) è la parte principale della massiccia campagna che Enel sta portando avanti per promuovere il nucleare nel nostro Paese, stanziando circa 20 milioni di euro per l’operazione. Vorremmo sapere anche chi paga, quanti finanziamenti provengono da enti pubblici e statali.

Ma è la prima volta che assistiamo ad una campagna pro atomo di queste dimensioni. Oggi, con Sette (allegato del Corriere), c’era in regalo un dvd con la seguente didascalia: “Alessandro Cecchi Paone ci accompagna alla scoperta dell’energia nucleare […] per farci conoscere da vicino una tecnologia sicura, rispettosa dell’ambiente, capace di ridurre la dipendenza energetica dall’estero e rilanciare lo sviluppo del nostro Paese”. San Nucleare insomma, meno male che c’è. Non si capisce perchè non l’abbiamo ancora adottato.

Forse perchè tutto questo non è vero. Prendiamo le frasi della pubblicità del Forum prima citata, quella che appare sui giornali: “”Ci spaventano i residui radioattivi, ma non i miliardi di tonnellate di CO2 che immettiamo nell’atmosfera… pensiamo che il nucleare sia costoso però non pensiamo a quanto potrebbe farci risparmiare sulla bolletta… la tecnologia a rischio zero non esiste ma forse non sappiamo che gli scienziati ci garantiscono altissimi livelli di sicurezza… ci preoccupiamo per il futuro dei nostri figli ma non del fatto che tra 50 anni non potranno più contare solo sull’energia da combustibili fossili“.

Vediamo un po’: il nucleare ha bisogno dell’uranio, che è presente in quantità scarsissime, costa sempre di più e forse finirà prima del petrolio; le scorie radioattive rimangono per sempre (e non esiste posto al mondo dove possano essere definitivamente stoccate, visto che a contatto con l’acqua esplodono e non c’è posto sulla terra dove l’acqua non arrivi mai, secondo quanto dicono autorevoli studi), mentre la CO2 è evitabile, puntando sulle energie rinnovabili; nessuna assicurazione al mondo assicura una centrale nucleare, visto che i livelli di sicurezza non sono altissimi. per niente; costruire una centrale costa miliardi e altri miliardi ci vogliono dopo venti o trent’anni per chiuderla. E chi paga? Provate ad indovinare.

La verità è che ci sono enormi interessi dietro all’energia nucleare. Soldi, soldi, sono sempre loro il motivo. Se ne sbattono di malattie, rischi e costi e del referendum che gli italiani hanno fatto nel 1987 e con il quale si sono espressi contro l’energia nucleare. Questa storia deve finire, perchè questa campagna è propaganda, non informazione. Qualsiasi giornale o tv si presti ad accogliere la pubblicità è complice, vende la sua dignità e credibilità per denaro. E’ ora di finirla.

Dopo Natale, pubblicheremo un articolo nel quale smentiremo le bugie che Umberto Veronesi, altro volto che si è prestato agli spot pro nucleare, rifila agli italiani. Intanto date un’occhiata al decalogo antinucleare di Greenpeace.

Stay tuned.