Posts contrassegnato dai tag ‘migliorarsi’

Se  è l’invidia a farti parlare, renditene conto, e taci. Perché se capisci che il tuo livello è inferiore rispetto ad altri, e invece di migliorarti, cerchi di abbassarli, allora li meriti dei calci.

Non basta cercare di mostrarsi ferrati su qualche cosa di esotico, orientale, per essere acculturati: anche poche conoscenze, ma abbondante curiosità e delle porte mentali aperte, spalancate, fanno cultura. Non è un anello che compri e indossi, del quale ti fregi. La cultura è costruire, stancarsi nello studiare ciò che non conosci, perdersi nello sviscerare argomenti e questioni. È saper semplificare, sintetizzare, estrapolare. E se non conosci queste parole, significa non fartene una colpa, non farmene una colpa perché le uso, ma chiedi cosa siano, cerca cosa significhino.

Il cervello non serve solo a riempire il cranio, nemmeno a farci cadere la testa quando siamo stanchi. È anche l’organo sessuale migliore, lo stupefacente più forte, il regista e suonatore delle nostre emozioni quotidiane. Usarlo non fa male, funziona come un muscolo. Per questo ogni volta che mi scontro, che dibatto, dopo il senso di frustrazione per una “sconfitta” ma anche dopo la gioia di una vittoria dialettica, penso sempre a quanta parte di ragione e di torto mi devo ascrivere. Perché sempre meritiamo entrambe. Il bilancio ci migliora. Lo sbilancio ci distrugge.

Ho litigato tempo fa con degli amici. Così mi sembravano essere, o almeno, li consideravo. Non amo di certo azzuffarmi con chi non la pensi come me per cercare di cambiarlo. Ma da pari a pari, la comunicazione dovrebbe essere parallela. Non incrociata: se poniamo tre livelli, “bambino”, “adulto” e “genitore”, uno impilato sull’altro, l’unico piano che funziona tra gente che si considera matura e alla pari si ha quando due “pile” si incontrano e discutono da adulto ad adulto (genitore-genitore non funziona, è come lo scontro tra due insegnanti che vedono necessariamente l’altro come un “bambino”; bambino-bambino invece non credo si possa considerare un vero e proprio dibattito).

Per questo non si discute con chi vuole a tutti i costi portarti unicamente al suo pensiero, non portati il suo pensiero, ma proprio AL suo pensiero, in quanto da lì non si smuove, non vuole farlo. Per questo non si discute con chi punta su un unico argomento, pensando che funzioni sempre: l’età non è l’unica causa di maturità. A volte penso che sia addirittura una causa minore.

Fa male ricordare che quando le tue idee erano grandi, a tratti ambiziose venivano sistematicamente cassate, lasciate cadere, a volte calpestate. Valutate sotto sotto comunque banali, ma senza discuterne, perché si sarebbero potute rivelare addirittura buone idee! Ma se qualcuno si crede leader, allora non c’è niente da fare: quello sarà il suo chiodo fisso, e chiunque involontariamente lo superi…ne vedrà delle belle.

Io ne ho viste tante di belle. Ma mi fa tenerezza vedere io, a vent’anni, ragiono fino a tardi, e amo tornare su vecchie questioni, per cercare di capire qualcosa in più, qualcosa che mi sia sfuggito, mentre chi cercava di schiacciarmi la testa per terra, chi mi ha accusato di essere un duce (io un fascista quindi) e di essere uno che imponeva le sue idee, in modo prepotente, presuntuoso (magari violento?), ora sta allo stesso punto di prima, né più né meno. Sono rimasti a quel livello, basso, mediocre, che tanto dicono di disprezzare? Secondo me sì. È facile dire che le persone non cambiano. E altrettanto facile è dire che invece cambiano. Sono convinto della seconda, ma non è facile e soprattutto non è naturale. Ci vuole una certa voglia di farlo, oltre che una direzione per cambiare. Chi non sa discutere di se stesso ma pretende di pontificare su chi gli sta attorno ha paura del cambiamento, perché non sa a che livello si potrà ritrovare. Per cui viva la mediocrità! Viva accusare chi vi fa paura, dei vostri stessi comportamenti! Ma soprattutto, per sedare ogni dubbio, lunga vita alla pratica (lungimirante?) di mettersi al riparo prima di qualsiasi pericolo. Immaginario.

Excusatio non petita accusatio manifesta: l’atteggiamento pauroso che si estende dai piccoli gruppi musicali di provincia, fino alle grandi fazioni politiche.

Annunci

Ma c’è un’altra minaccia incombente, altrettanto pericolosa, rappresentata dall’uso deviato (e sostanzialmente distruttivo) che noi stessi facciamo di tale opportunità. Prendiamo questo blog, dove provo ad avviare discussioni critiche (e la critica – dice Michel Foucault – è lo smascheramento del Potere nei suoi discorsi di Verità e la Verità nelle sue pratiche di Potere). Fateci caso: non pochi interventi sono in perfetta sintonia con l’intento, seppure – ovviamente – sostenendo anche tesi molto divergenti e al limite contestative. Ed ecco che subito dopo irrompono post che non entrano nel merito ma tentano di bloccare la discussione con aggressioni verbali e sentenze apodittiche. E la comunicazione (che significa processo a due vie, come scambio di enunciati e feed back) viene sommersa da rumori antichi, tra l’insulto gratuito o il pernacchio plebeo; la brutta abitudine di storpiare i nomi (uso fascista, rilanciato per primo da Emilio Fede). Non è questione di bon ton, è molto di più: la dissipazione incivile della straordinaria possibilità di intendersi reciprocamente. Imbarbarimento delle pratiche discorsive spiegabile con il fatto che si sono perse le regole del dialogo e ormai ci siamo assuefatti allo spot come sostitutivo del ragionamento. E la garanzia di anonimato dello pseudonimo diventa il riparo da dove il cecchino può sparare indisturbato i suoi colpi proditori, un po’ vigliacchi.

di Pierfranco Pellizzetti,  da “Comunicazione non è overdose di rumore“, il Fatto Quotidiano, 20 settembre 2010

Sei giorni fa (21 settembre) leggevo un articolo di Pierfranco Pellizzetti sul sito de Il Fatto Quotidiano, e ho trovato molto interessante la riflessione sul comunicare, sui ruoli e i vantaggi che si acquisiscono discutendo, presente nel paragrafo riportato qua sopra. Sono sul treno e sto tornando da Roma, dove ho frequentato uno stage (è francese, non inglese questo termine) formativo musicale, cioè tre giorni di intense lezioni di strumento, promozione, legislazione ed esibizione live. Ho incontrato moltissime persone, dai musicisti come me agli esperti nei vari settori: discografici, insegnanti e professionisti della promozione.

Ho portato via da questi tre giorni, tanti consigli utili, tante indicazioni ma soprattutto tantissime riflessioni: il ruolo di un musicista, come questo ruolo si debba continuamente pensare e ripensare, aggiornare, come ci si pone degli obiettivi in questo campo, che misure bisogna aver chiare per muoversi nel complesso mondo della musica…e avanti così.

Non credo che sarei stato così soddisfatto se mi fossi posto subito sulla “difensiva”, atteggiamento dettato dalla paura della critica, che troppo facilmente scambiamo per un attacco, anche gratuito. Credo che le critiche siano a tutti gli effetti degli attacchi, ma venir attaccati non vuol dire necessariamente perdere: la partita si gioca di volta in volta.

Tra gli aspetti se vogliamo caratteriali, che, a mio parere, bisognerebbe cercare di formare e mantenere, c’è il coraggio totale. È strano, ma lo associo anche all’umiltà: è coraggioso buttarsi in una situazione o in una discussione dove si potrà venire criticati, magari disillusi di una convinzione che si rivela quindi sbagliata. Nel mio caso, ho potuto rendermi conto durante le lezioni di strumento con l’insegnante di tastiere di quanto ancora mi manchi per essere il musicista che desidero. Ma sebbene in quel momento nella mia testa c’era un vortice di sensazioni anche contrapposte (compreso quindi il senso di inadeguatezza, ignoranza, vergogna), ne sono uscito felice e ricaricato. Ho sbagliato molti esercizi in quel momento, ho “sbeccato” moltissime note, ma nella discussione con l’insegnante e il mio compagno di lezione, ho capito cosa non funziona al meglio nel mio modo di suonare, ho intuito, intravisto una via per migliorarlo. Dall’altra parte ho anche notato che le cose che so fare meglio possono comunque essere migliorate, arricchite.

Il coraggio spavaldo di capire che anche gli altri possono dare consigli utili, idee nuove o punti di vista differenti, materiale che si può tranquillamente prendere e usare.

Il coraggio poi lo declinerei anche nell’atteggiamento quotidiano, nell’approccio alle cose: credo che le situazioni vadano aggredite, brutalmente. Ho capito forse un po’ di più che non bisogna assolutamente aver paura delle “musate“, cioè di sbattere la faccia nel provare, perché è solo e soltanto questo l’atteggiamento giusto per riuscire ad essere vincenti nelle situazioni e negli ambienti che davvero ci interessano. Tutti vogliono far bene le loro cose, ma tanti per la paura di non riuscire non ci provano neanche o non mantengono l’atteggiamento giusto: il risultato è lo stesso, salvo rare eccezioni, no?

Non voglio arrivare un giorno a pormi, su ogni cosa del mio passato, la domanda “…ma se avessi fatto in un’altra maniera?”, perché ho avuto troppa paura di prendere quello che volevo, di prenderlo al momento giusto, di prepararmi per tempo quando di tempo ne avevo più che a sufficienza.

In particolare mi è piaciuta la lezione dell’insegnante di “comunicazione e promozione”, naturalmente applicata alla musica, ma credo che si possa estendere ad ogni campo. Questi ci ha detto che se crediamo che il nostro progetto musicale sia valido, se vogliamo che vada avanti, non ci dobbiamo accontentare: bisogna avere la migliore presentazione al pubblico (ha guardato le pagine myspace dei gruppi presenti alla lezione dicendo che erano pessime), se vogliamo arrivare ad un personaggio importante, o che potrebbe essere importante per il nostro progetto, dobbiamo essere capaci di reperire le informazioni necessarie per contattarlo, comunicare con lui, addirittura incontrarlo.

Dovete lavorarci dalla mattina alle nove fino alla sera alle nove. Ma poi non andate a dormire: andate in sala prove e suonate.” – Il discorso è avere uno scopo, definito, preciso, difficile sicuramente, ma di certo molto più complicato se ci aggiungiamo l’incertezza di fondo che dà il poco coraggio e la chiusura mentale del non accettare consigli e critiche (che sono a volte la stessa cosa). Il coraggio credo che sia anche essere disposti a cambiare il proprio obiettivo, che non è sminuire sé stessi, ma cercare di migliorarsi.

Detto ciò, non mi scuso per l’eventuale “sconclusionatezza” di questo post, chi vuol criticarmi lo faccia pure, e troveremo assieme le ragioni. Anche se credo che avremmo di meglio da fare, discutere. Inoltre la citazione iniziale sembra mi sia servita unicamente come germe per iniziare a scrivere, ma su di essa ho altre riflessioni che preferisco trattare in un altro post.