Posts contrassegnato dai tag ‘Ascanio Celestini’

Vi vorrei proporre questo video che mi ha divertito molto, e mi ha anche fatto pensare a quanto siano presenti nelle nostre vite i compromessi. E mi ha fatto riflettere su quanti possiamo accettarne e su quali possiamo accettare, senza mettere da parte le nostre idee e i nostri valori. E in un certo senso i compromessi ci aiutano a capire quanto siano davvero forti queste idee e questi valori.

Quanto sono pericolose le etichette, se te ne attacchi una per sbaglio o pigrizia va a finire che a staccarla viene via la pelle, ed è doloroso. E forse per molti è meglio lasciarla lì dov’è, l’etichetta.

Vi proponiamo oggi l’intervento di Ascanio Celestini al Concerto del Primo Maggio di Roma: “Lettera a Mazzini”.

“Io, Giuseppe Mazzini, chiedo agli Italiani di cancellare il mio nome dalle strade, dalle piazze, dai vicoli, dalle caserme, dalle scuole, di abbattere i miei monumenti, di staccare le targhe me riguardanti, poiché non riconosco per niente la paternità di questo Paese, che non rassomiglia né all’Italia che sognammo 200 anni fa, né tantomeno a quello che sarebbe dovuto diventare adesso dopo 150 anni di storia, punto, Giuseppe Mazzini.”