KONY 2012 – Di cosa si tratta?

Pubblicato: 02/04/2012 da lalbatro in Estero, Informazione, L'Albatro, Società
Tag:, , , , , , , , ,

Vorrei parlarvi oggi di un video virale, noto soprattutto agli utenti di Facebook, chiamato “Kony 2012“. Il filmato, che vi invito a guardare, ha ottenuto ormai più di 86 milioni di visualizzazioni. Qua sotto trovate il video da Youtube, nella versione sottotitolata in italiano.

Dunque, di cosa si tratta?

L’organizzazione di volontariato americana Invisible Children ha lanciato poche settimane fa questo video-denuncia a proposito dei crimini commessi da Joseph Kony, leader dell’organizzazione criminale chiamata L.R.A. (acronimo di Lord’s Resistance Army) che opera nelle foreste dell’Uganda. I delitti di cui è accusato sono atroci: rapimento di bambini e bambine per trasformare i primi in soldati e per sfruttare le seconde come schiave della prostituzione.

Lo scopo del video e della campagna di informazione ad esso associata è di fare in modo che Kony venga arrestato entro l’anno che è in corso, il 2012 (da qui il nome per la campagna: “Kony 2012”). Ma come si dovrebbe fare?

Il governo americano, dopo che Invisible Children ha incontrato politici e senatori di tutti gli schieramenti, ha mandato in missione in Uganda degli istruttori muniti di attrezzature e conoscenze, per aiutare le forze locali a stanare Kony dal suo nascondiglio nella giungla. Al minuto 21:39 la voce narrante del filmato ci avverte che la missione rischia però di terminare, se il guerrigliero non verrà trovato entro l’anno:

Per far in modo che Kony venga arrestato quest’anno, le forze militari ugandesi devono riuscire a trovarlo. Per trovarlo hanno bisogno di tecnologia e di addestramento per rintracciarlo nella vasta giungla. Ecco perché gli istruttori americani sono lì, ma per far in modo che i consulenti americani siano lì, il governo americano deve schierarli. Lo ha fatto. Ma se il governo non credesse che le persone abbiano a cuore l’arresto di Kony, la missione verrebbe cancellata. Per far in modo che le persone prendano a cuore la questione, devono sapere. E lo verranno a sapere solo se il nome “Kony” sarà ovunque..

Make him famous“: rendere questo signore famoso, affinché la comunità internazionale, la gente e soprattutto il governo americano facciano qualcosa. Questo è il messaggio principale del video.

Ora vorrei invitarvi, di nuovo, a vedere questo filmato: nel prossimo post vorrei parlarvi di alcune mie perplessità a proposito di esso e dell’intera campagna. Mi sono posto alcune domande sull’impostazione del video, sul linguaggio utilizzato e sulle soluzioni proposte dall’organizzazione. Ma prima, davvero, guardatelo e osservatelo bene, anche se è relativamente lungo.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...