E’ inutile che la politica si lamenti di essere esautorata o accantonata. Le forze politiche, tutte, hanno fallito. Il loro compito è occuparsi della cosa pubblica, dei cittadini. E non l’hanno fatto, nemmeno in un momento in cui la crisi economica e finanziaria mondiale richiedeva un impegno e uno sforzo massimo. Punto. Il governo di B. non ha fatto nulla di utile se non spremere i soliti noti e la cosiddetta opposizione non è stata capace di sfruttare la debolezza estrema di un nemico che ormai non aveva più nemmeno un briciolo di credibilità. Nessuno è stato capace di dare risposte concrete. Se avessero fatto un qualsiasi altro lavoro, tutti questi signori sarebbero stati già da tempo licenziati.

Quindi qual è  la conseguenza? Che bisogna chiamare una persona autorevole e capace per risollevare le sorti del Paese. Vedremo quello che Monti farà, quali saranno i suoi ministri, le sue proposte e i suoi provvedimenti, e giudicheremo. Ma, almeno per quanto mi riguarda, mi sento molto più tranquillo in mano a Monti che a La Russa, Tremonti, Maroni, Calderoli e compagnia.

Certo, è vero che questo governo non è stato votato, non ha una legittimazione elettorale. Ma chi lo sostiene in Parlamento è già stato eletto, e quindi è espressione del popolo (per quanto questa legge elettorale lo permetta). Dopotutto, andare alle elezioni in questo momento, oltre che pericoloso per la perdita di tempo che attendere il momento del voto causerebbe (e che non ci possiamo permettere vista la situazione), sarebbe anche inutile, visto che con questa legge elettorale si rischierebbe di formare un governo che potrebbe non avere la fiducia al Senato, o comunque non avere i numeri per approvare le misure necessarie. Un suicidio, quindi.

Ultima cosa: ci vengano risparmiati i pistolotti degli scagnozzi di Berlusconi e dei loro amici del Corriere della Sera contro i festeggiamenti e le contestazioni di sabato sera (definiti “gazzarra” da Polito, “spettacolo preoccupante” da Cazzullo, che invita a non festeggiare per “rispetto dei sentimenti e delle opinioni di chi in Berlusconi ha creduto”). Ma stiamo scherzando? Cosa si sarebbe dovuto fare, stare zitti? Fare come se niente fosse? In tutto il mondo si festeggia e si è contenti della caduta di un governo che si osteggia, a maggior ragione noi abbiamo il diritto di farlo, viste le caratteristiche di quello di Berlusconi. Sono cose talmente ovvie che non ci dovrebbe nemmeno essere bisogno di parlarne. Ma siamo in Italia, quindi non ci sorprendiamo. Loro arruffino le piume, noi intanto festeggiamo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...