di Aristofane

Quello di oggi è un post che riguarda il Trentino. Precisamente la scuola trentina e la sua presunta eccellenza. Il pezzo è scritto da Chinonrisica, docente di diritto ed economia negli istituti superiori trentini da molti anni. Segue un articolo tratto dal “Corriere del Trentino” di oggi, che racconta la conferenza che Margherita Hack ha tenuto al Museo di Scienze Naturali, durante la quale ha toccato anche il tema della scuola ed il difficile rapporto tra la Costituzione e l’autonomia trentina, che, forse, si sta espandendo in campi che non le competono.

SCUOLA TRENTINA

di Chinonrisica

Bisognerebbe chiedersi come mai in Trentino si stia realizzando una riforma scolastica che supera in arbitrarietà, tagli all’organico (doppi rispetto al nazionale) e orribile creatività quella proposta da Maristella Gelmini. Anche qui una donna, l’assessore all’istruzione Marta Dalmaso (PD), catalizza le ire dei docenti per l’opera occulta di un uomo (Lorenzo Dellai API- UPT).

La giunta trentina, violando lo statuto di autonomia e la Costituzione (va ricordato che la Provincia di Trento, così come le Regioni in Italia, ha in base all’Art.117 della Costituzione Italiana, competenza primaria in materia di Formazione Professionale e competenza secondaria in materia di Istruzione) agendo con delibere estive e notturne, patteggiando con la presidente della Commissione Cultura della Camera, Valentina Aprea (PdL), attraverso l’onorevole De Torre (PD) è riuscita a cancellare, con un atto di giunta, un corso di studi statale (gli istituti professionali) spostando l’utenza verso i corsi professionali provinciali, con personale docente assunto senza vincoli di graduatorie, in piena libertà, da dirigenti scolastici nominati dallo stesso esecutivo provinciale.

Anche i punteggi assegnati ai docenti precari premiano l’insegnamento sul territorio provinciale e dal prossimo anno scolastico si studierà storia locale. In scuole in cui il tedesco resta obbligatorio.

Lega Nord? No, perché questa è la terra del centrosinistra autonomista che, mentre protesta in piazza contro il ministro Gelmini, tratta nei palazzi romani con i suoi sottosegretari e realizza tagli di organico peggiori di quelli nazionali (16,5% contro il 7% nazionale). La protesta ha infiammato il freddo Trentino. Ha indignato alcuni esponenti politici (di opposizione! Una realtà invertita rispetto a quella romana!), ha provocato manifestazioni studentesche e sedute straordinarie di Consigli Provinciali e Comunali.

Nel silenzio dei media, nell’indifferenza un po’ omertosa (Bersani, investito del problema alla festa della neve del PD, si è dichiarato disinteressato alla faccenda) dei partiti nazionali: perché si creda ancora alla favola dell’isola felice del centrosinistra nel Nord Est delle Libertà.

Il tema è tecnico e forse interessa poco. Ma il futuro degli studenti trentini non è meno importante di quello degli altri,e i docenti (precari e non) sono più penalizzati che altrove.

Che almeno non si celebri il trionfo del modello trentino!

MARGHERITA HACK A TRENTO (dal Corriere del Trentino di sabato 8 maggio 2010)

(clicca sull’immagine per ingrandire)


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...