In comode rate mentali

Pubblicato: 21/03/2010 da montelfo in Montelfo
Tag:, ,

Creare un blog per capire.

Capire quello che si vuole dire, riordinare le idee che ogni giorno ci affollano la mente, stupide intelligenti sensate incredibili idee.

Con la testa stipata a volte è difficile affrontare la più piccola e semplice vita. Scrivere da qualche parte quello che ci fa essere come siamo, che ci permette di essere degli esseri umani (chi più, chi meno): le idee, il pensiero unito ed applicato a tutto il resto, può aiutare a comprendere.

Perché, senza accorgercene, stiamo svanendo, perdendo e allontanando ciò che abbiamo di diverso da tutto ciò che si muove: il pensiero.

Il pensiero quotidiano, spicciolo, razionale, fantasioso, allegro; lo stiamo evitando, considerandolo scontato o addirittura sbagliato.

Scomodo, si può dire; è più facile distogliere la nostra mente da quelle cose che necessitano attenzione, che richiedono qualcosa di più di una banale parola per essere capite.

Giorno dopo giorno pensare diventa una parte sempre minore della nostra vita. E così perdiamo di vista la meta; senza accorgercene perdiamo di vista uno scopo, un futuro. Perdiamo di vista noi stessi e ci rifugiamo in un guscio di vuota ed insulsa pochezza. Molto più semplice da conquistare, perché non c’è nulla da conquistare. Lasciamo che tutto scivoli via.

Vendiamo i nostri pensieri. Così. In comode rate mentali.

Creare un blog non per ergersi a guida o per dimostrare una superiorità.

Piuttosto per evitare che riflessioni e considerazioni di ogni genere restino a galleggiare indefinite nella nostra testa o, peggio, si perdano: creare un blog per dar loro un senso.

Stiamo lasciando alla deriva parte della nostra umanità, affogati in un mare di cose inutili nel quale siamo in balia di ogni onda come un messaggio in una bottiglia. Stiamo svendendo la nostra testa, mettendo in saldo la nostra intelligenza e scontando i nostri pensieri, vendendoli a chi ci aiuta a narcotizzare la nostra mente nascondendo la realtà.

Ma la realtà non è un senso unico: idee e pensieri non possono essere statici ed indiscutibili. Se non vengono di tanto in tanto scossi con obiezioni, criticati o corroborati da altri argomenti si seccano e muoiono.

Creare un blog per ricevere quante più repliche possibili!

Lasciamo quindi da parte critiche sterili e lapidarie. Uccidono la discussione e ciò non è nel nostro interesse: la verità è una sfida, se non ci si esercita a contraddirla e la si accetta così com’è si paralizza. E morendo diventa immodificabile.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...